Torna alla Home
Ti trovi in: Home  »  Svago  »  diga alento  »  flora e proprieta'

flora e proprieta'

MACCHIA MEDITERRANEA

GINESTRA COMUNE O ODOROSA SPARTIUM JUNCEUM
La ginestra odorosa è una pianta della famiglia delle Fabaceae, tipica degli ambienti di gariga . È nota anche come ginestra di Spagna. È una pianta a portamento arbustivo,fiori di colore giallo vivo.

LECCIO QUERCUS ILEX
Il leccio è generalmente un albero sempreverde con fusto dritto, di altezza fino a 20 metri.

MIRTO MYRTUS COMMUNIS
Il mirto è una pianta arbustiva della famiglia delle Myrtaceae. È una specie spontanea delle regioni mediterranee.Il mirto è una pianta rustica.

OLIVASTRO OLEA EUROPEA
L'olivo o ulivo (Olea europaea L.) è una pianta da frutto. Originario del Medioriente, è utilizzato fin dall'antichità per l'alimentazione. I suoi frutti, le olive, sono impiegate per l'estrazione dell'olio.

ROVERELLA QUERCUS PUBESCENS
La Roverella è la specie di quercia più diffusa in Italia, tanto che in molte località è chiamata semplicemente quercia. Appartiene alla famiglia delle fagacee. È poco apprezzato ed utilizzato come legno d'ardere, fa parte della categoria delle legne dure, ovvero quei legni che hanno ottimo valore calorifico e lenta combustione. Le ghiande sono dolci e venivano utilizzate per l'alimentazione dei maiali.

FORESTA A GALLERIA

PIOPPO BIANCO POPULUS ALBA
Il Populus alba o pioppo bianco è un albero della famiglia delle Salicaceae. È una specie centro europea meridionale, nativa della Spagna e del Marocco.I pioppi sono essenziali nell'azione di consolidamento degli argini dei fiumi. Spesso viene piantato artificialmente in filari per l'utilizzo del legname. Il legno è leggero e viene impiegato nella produzione di cellulosa, compensati, mobili di poco pregio.

SALICE BIANCO SALIX ALBA
Albero alto fino a 25 m corteccia giallastra o grigio-rossastra. Il Salice bianco viene utilizzato per consolidare i terreni di ripa e le pendici franose, ed il suo legno, non molto pregiato, viene utilizzato nell'industria cartaria. I rami vengono utilizzati fin dall’antichità per fare cesti, canestri, per impagliare sedie. I giovani rami (vinchi o vimini) vengono impiegati in agricoltura per legare le viti. La pianta è inoltre ricca di virtù medicinali. L'acido salicilico composto alla base della nota aspirina fu ricavato proprio dal salice bianco, e la corteccia contiene tannino, utilizzato come disinfettante e cicatrizzante.

ONTANO NERO ALNUS GLUTINOSA
L'Ontano nero e' albero alto intorno ai 10 metri, eccezionalmente fino a 20-25 metri, talvolta con portamento arbustivo, di colore nero. Oltre a svolgere una funzione ecologica nel mantenimento degli ecosistemi fluviali ricoprono perciò un ruolo collaterale di tutela dell'ambiente contro i dissesti idrogeologici. La corteccia dell'ontano nero contiene tannini, alnulina, protoalnulina, emodina. A questi principi attivi, in particolare i tannini, sono attribuite proprietà febbrifughe, blandamente antinfiammatorie, astringenti. Il decotto della corteccia è inoltre impiegato nell'industria dei liquori come componente degli amari. Le foglie hanno invece proprietà diuretiche e astringenti. La farmacopea popolare attribuisce alle foglie anche proprietà antireumatiche, vermifughe, antisecretive e in particolare, galattofughe. Nella tradizione popolare si usavano le foglie di ontano nero per ridurre la sudorazione o la secrezione lattea.

PIOPPO NERO POPULUS NIGRA
Il pioppo nero vegeta bene lungo le sponde di corsi d’acqua, ai margini dei boschi, su terreni umidi e profondi o alluvionali.

SALICE RIPAIOLO SALIX ELEAGNOS
Il salice ripaiolo vegeta sui greti fluviali. Esige piena luce. Si riproduce per via vegetativa tramite talee e piantoni ottenuti da legno di 2-3 anni.

SALICE ROSSO (SALIX PURPUREA)
Arbusto piuttosto esile. Le foglie sono strette, di color verde-azzurrognolo. E' una delle più attive specie colonizzatrici dei greti fluviali , ama le zone soleggiate.